17
Sab, Nov

METS FAN CLUB - Da Bruce a Gonzalez, settimana calda in casa Mets

2017
Typography

Settimana movimentata in casa Mets. Sapevamo che Gennaio sarebbe stato un mese caldo per gli affari. Dopo un fine 2017 soporifero (un pò per tutti i team in verità), il 2018 è iniziato con un altro passo: nella settimana degli arbitrati, in cui il solo Zack Wheeler non ha trovato l’accordo, abbiamo firmato prima Jay Bruce, un gradito ritorno e Adrian Gonzalez. Analizziamo.

Dal Citi Field Sandy Alderson sta insegnando un diverso corso annuale: “Marketplace Patience”. Alderson si è preso il suo tempo e la pazienza ha premiato. Il programma 2018 è iniziato con Jay Bruce: è tornato ai Mets per tre anni e $39 milioni, un accordo eminentemente ragionevole per un trentunenne che porta potenza, resistenza e leadership in un ambiente bisognoso. Lo stipendio di Bruce, aggiunto ai precedenti impegni contrattuali e agli stipendi previsti per i giocatori idonei all'arbitrato, mette il libro paga dei Mets oggi a circa $138 milioni. Alderson continuerà a camminare sul filo del rasoio per completare il roster. L’obbiettivo della proprietà, giusto o sbagliato che sia, è restare sotto i $155 milioni dello scorso anno. Tutte le indicazioni sono che il GM preferirebbe preservare il ristretto pool di prospetti del Farm System e guardare ai free agents, come in realtà sta accadendo.

E arriviamo alla firma di Gonzalez: è una mossa a basso rischio per i Mets e può alleviare alcune delle loro preoccupazioni su Dominic Smith in quella che sarà, a tutti gli effetti, la sua prima stagione completa. Smith ha fatto il suo debutto nel 2017 battendo .198 con .658 OPS in 183 apparizioni al piatto. Anche se Smith ha smazzato 9HR non è riuscito a colpire con costanza e ha mostrato poca disciplina. Ci sono anche preoccupazioni fisiche su di lui dal momento che tende un pò ad ingrassare durante la stagione. Sandy Alderson ha detto che c’è fiducia in lui ma Gonzalez offre ai Mets un'alternativa valida in 1B a patto che riesca a tornare in forma dopo gli infortuni dello scorso anno. Il veterano ha giocato solo 71 partite nel 2017 concludendo una serie di 11 stagioni in cui ha giocato almeno 156 partite. Gonzalez ha sofferto di un ernia del disco alla schiena e anche se non dovesse tornare alla sua forma pre-infortunio, questa mossa offre pochi svantaggi ai Mets dato che non costerà tanto.

I Mets stanno lavorando con un budget ristretto in questa offseason e hanno acquisito un potenziale starter per $545.000. Se Gonzalez è sano e performante, i Mets potrebbero anche continuare a far crescere Smith in Triple A e sentirsi a proprio agio con la produzione che ricevono in 1B: Wilmer Flores potrebbe anch’esso ricoprire il ruolo. Questo salario economico consente ai Mets di separarsi facilmente da Gonzalez qualora facesse fatica. Se Smith cresce e Gonzalez si dimostra produttivo, i Mets potrebbero anche tentare di scambiare il veterano. Il tempo di gioco di Gonzalez sarà determinato dall'efficacia di Smith. Aldilà di Gonzalez, l’acquisizione di un 1B esperto permette anche a Bruce di concentrarsi esclusivamente sul suo ruolo di esterno piuttosto che dover essere il 1B di “riserva”. La presenza di Gonzalez limita la necessità di Bruce. Gonzalez è un battitore da 288 HR in carriera con un .847 OPS in 14 stagioni, la maggior parte delle quali sono state spese sulla costa occidentale con Dodgers e Padres.

I Mets ora possono concentrarsi sulla ricerca di un 2B/3B o utility guy. Ci sono ancora molte opzioni tra free agency e trade: le possibilità includono Neil Walker, Todd Frazier e Jose Reyes (ma occhio alle sorprese) visto che i Mets rimangono più propensi a firmare un agente libero piuttosto che provare delle trade da cui perderebbero i pochi prospetti a disposizione. Alderson ha mantenuto i contatti con gli agenti di Reyes quest'inverno e Josè ha dichiarato pubblicamente di voler tornare. Tra le opzioni potenziali dei Mets, Reyes sarebbe certamente il meno costoso ma forse anche il meno produttivo. Frazier sarebbe l’ipotesi più intrigante ma Asdrubal Cabrera dovrebbe spostarsi in 2B e questa non sembra la linea del club. Walker ha lasciato i Mets con amarezza dopo che un'estensione contrattuale non si era materializzata ma c'è convinzione nell'organizzazione che sia comunque aperto a una reunion dato il mercato lento di questo inverno.

Certamente l’ingaggio di Gonzalez ci dice che il budget vogliamo impiegarlo bene sull’infielder. Riportare Reyes, al minimo ovviamente, è una mossa che si potrebbe concretizzare anche con l’acquisto di un altro giocatore. Vedremo cosa accadrà nei prossimi giorni. Il team sta prendendo piano piano la sua forma. Non è detto che non ci siano altri innesti se non il famoso 2B. Io, che avevo spinto per l’ingaggio di Gonzalez, tenderei a farlo anche per un altro veterano: Tim Lincecum. Stiamo a vedere. Piaccia o no, l’obbiettivo sembra competere ad alti livelli, col mix giusto tra veterani e giovani.

La flessibilità e la pazienza del nostro GM, limitata dai libri paga considerevolmente più ristretti rispetto anche ai rivali cittadini (Yankees) e ai rivali divisionali (Nats), si sono dimostrate fino adesso armi particolarmente efficaci nell'attendere le relative contrattazioni. All'improvviso un revival, un ritorno ad alti livelli dei Mets nel 2018 non sembra solo una preghiera. Più lungo è il corso di Alderson migliori saranno le probabilità che il suo e il nostro amato club tornino a respirare l’aria dei playoff.

 

Fonte foto copertina: amazinavenue.com