13
Mer, Dic

Veni, Vidi, Vici: i Dodgers completano lo sweep e corrono alle NLCS grazie a Bellinger e Darvish

2017
Typography

Nessun dramma, nessuna sorpresa, nessuna chance per Arizona. I Dodgers, grazie ad una prestazione clamorosa del proprio monte di lancio e soprattutto grazie ad uno straordinario Cody Bellinger, hanno concluso questa notte lo sweep in tre gare sui D’Backs, diventando la prima squadra della National League a qualificarsi per le Championship Series. Los Angeles ha offerto un’altra prestazione da grande squadra al Chase Field, dove il temibile lineup dei D’Backs è stato completamente annichilito da un magnifico Yu Darvish, capace di sconfiggere Greinke e guidare i suoi al successo per 3-1. Non possono bastare le tre valide battute dai padroni di casa in tutto l’arco del match: la partenza deludente di Greinke ed i due punti battuti da Bellinger sono stati i fattori determinanti della gara, ed ora i Dodgers dovranno soltanto aspettare di capire chi uscirà vittorioso dallo scontro tra Cubs e Nationals.

I Boys in Blue hanno deciso di partire subito forte e zittire il pubblico di Phoenix, segnando il primo punto della partita già nella prima frazione: il leadoff 2B di Chris Taylor infatti è stato sfruttato alla perfezione dall’attacco californiano, che dopo una walk ed un fly out è riuscito a prendere il comando della gara grazie all’RBI groundout di Bellinger sulla prima base. Greinke è apparso in grande difficoltà nelle prime riprese di gioco, facendo schizzare a 70 il pitch count in appena 3 inning. Darvish invece ha messo in mostra tutto il suo talento contro il lineup dei D’Backs e, tralasciando un bunt single concesso alla prima ripresa, è stato in grado di congelare l’attacco avversario per tutta la prima metà di gara.

Greinke, dopo essere uscito indenne da un paio di situazioni pericolose, ha lentamente trovato il ritmo, ottenendo eliminazioni più rapidamente. Il periodo positivo per il pitcher di Orlando è durato però solo pochi minuti: con due eliminati nella parte alta del quarto, un lancio sbagliato su Bellinger ha riacceso di colpo l’attacco di LA. Il rookie dei Dodgers infatti ha demolito un cambio a 87MHP lanciato dal partente di Arizona, schiantandolo ben oltre il muro di centro-sinistra.

Gli Snakes, sotto per 2-0 sia nel punteggio che nella serie, sono riusciti finalmente a reagire nella parte bassa dell’inning trascinati da Daniel Descalso, che con due out ha dimezzato lo svantaggio battendo un lungo solo-HR sullo slider di Darvish. Il pitcher giapponese, che fino a quel momento sembrava in assoluto controllo della gara, ha poi ricevuto un preziosissimo aiuto da Bellinger sul battitore successivo: il pop foul di Jeff Mathis, che sembrava destinato a cadere nel dugout dei Dodgers, è stato preso al volo da Cody con una giocata strepitosa, che ha permesso dunque a Darvish di chiudere l’inning senza subire ulteriori danni.

Lovullo ha deciso di dare fiducia al proprio partente mandandolo sul monte anche per la quinta ripresa, ma la decisione del manager dei D’Backs, nel giro di pochissimi secondi, si è rivelata fatale: Austin Barnes infatti ha battuto un pesantissimo solo-HR sulla sinistra al secondo lancio dell’inning, cancellando in un lampo il fuoricampo di Descalso. L’allenatore di Arizona è stato costretto dunque a sostituire Greinke con De La Rosa e Hernandez; i due, pur faticando, sono riusciti a spegnere l’offensiva dei Dodgers senza subire altri punti. Il quinto è stato l’ultimo inning anche per Darvish, che ha colpito il primo battitore dalla ripresa (lancio che ha sfiorato il volto di Mathis ed ha colpito la visiera del caschetto): Cingrani, chiamato a sostituire il giapponese, ha ucciso il tentativo dei padroni di casa facendo battere Peralta in doppio-gioco, prima che Morrow salisse sul monte per chiudere definitivamente l’inning.

Arizona si è affidata dunque ad Archie Bradley per bloccare le mazze di Los Angeles, ma il pitcher dei D’Backs non ha potuto aiutare il proprio attacco: grazie ad un’eccellente difesa e ad un’ottima performance del proprio bullpen (ancora una volta i Dodgers hanno beneficiato di una grandissima prova di Kenta Maeda come rilievo), gli ospiti hanno accumulato eliminazioni su eliminazioni senza che Arizona riuscisse a rendersi pericolosa. Una grandissima giocata difensiva di Peralta ha evitato, al nono, che i Dodgers segnassero il quarto punto della gara e chiudessero l’incontro (Peralta è riuscito a recuperare una palla sfuggita dal proprio guanto ed ha eliminato Turner con un perfetto tiro a casa base). Nell’ultima frazione della gara però, gli Snakes non hanno potuto sfruttare la terza valida del loro match, un singolo proprio di Peralta: Kenley Jansen, dopo aver eliminato Ketel Marte, ha vinto l’epico duello con Goldschmidt mettendolo strike out dopo 8 lanci, regalando così ai Dodgers il pass per le NLCS.

Finisce dunque 3-1 per Los Angeles, che completa lo sweep ai danni dei rivali grazie a tre partite quasi perfette. Superbo Darvish, che esce dopo 5+ inning concedendo soltanto 1 ER e 2 H con 0 BB e 7 SO. Deludente invece la prova di Greinke, che subisce la sconfitta a causa dei 3 ER subiti in 5 riprese (4 H, 5 BB e 4 SO). Il titolo di migliore in campo va senza alcun dubbio a Cody Bellinger, che con il suo 2-4 con 2 RBI e con diverse giocate difensive degne di nota trascina la Blue Crew alle NLCS.

Dopo le drammatiche ed intense NLDS dello scorso anno (vinte a Gara 5 contro Washington), Los Angeles vola alle Championship Series con discreta tranquillità; i Dodgers avranno tempo per riposarsi e recuperare tutti i lanciatori, in attesa di scoprire chi otterrà il passaggio del turno tra Chicago e Washington. Comunque vada, i Dodgers hanno dalla loro parte l’home-field advantage, e potranno prepararsi al meglio per questa serie di gigantesca importanza.

(foto di copertina da truebluela.com)