21
Sab, Ott

Emozioni a non finire nella notte di Comerica Park: i Tigers vincono in walk-off fashion

2017
Typography

Ai Twins non è riuscito il colpo di magia. Sotto 5-0 nel primo inning, la squadra di Molitor ha dapprima restituito il favore ai Tigers nel terzo, poi si è portata avanti di cinque punti arrivando nel settimo inning con un vantaggio di 11-6. Ma la settima vittoria consecutiva è sfuggita perché il bullpen, messo a dura prova dalla falsa partenza del giovane José Berrios, e stato costretto agli straordinari e nella fase più importante della partita non è riuscito a mantenere il vantaggio, incassando sei punti negli ultimi tre innings con Gee (che era stato ottimo per i primi 2.1IP), Hildenberg ed il closer Matt Belisle al quale è sfuggito il primo tentativo di four-out save.

In una partita che ha regalato emozioni forti dal primo all’ultimo lancio i Twins scendono ora a 4.5 partite dai Cleveland Indians nella American League Central e perdono anche una posizione wild card in favore dei sempre più sorprendenti Los Angeles Angels. Per i Tigers una botta di vita in vista del rubber match domenicale ed un’altra prestazione superlativa di Mikie Mahtook, cruciale nella rimonta, e vibrazioni positive arrivate dalle mazze di Justin Upton e James McCann, cruciali nel successo della squadra della MoTown. Non tutto è oro quello che luccica. Perché entrati nell’ultimo terzo della partita, Miguel Cabrera è stato sostituito in battuta da John Hicks per nuovi problemi alla schiena in un punto però inedito per il sensazionale giocatore venezuelano.

Per il momento Cabrera è da considerare day-to-day e sul suo reale stato di salute ne sapremo probabilmente già al pomeriggio.

James McCann protagonista di giornata in almeno due occasioni. La prima è stata ad inizio gara quando è riuscito a seppellire il lanciatore di Porto Rico Berrios con un grande slam, spedendo la hanging curveball oltre l’esterno sinistro per il 5-0.

 

 

Berrios non ha avuto i suoi migliori lanci a disposizione in questa partita ed in questo inning non ha avuto neanche la sua miglior difesa. Una curva gli era costato l’uomo in base con Mikie Mahtook protagonista di un doppio lungo l’esterno sinistro. Un’altra curva lanciata questa volta bassa nella zona aveva dato ad Upton un singolo e dopo il secondo out su Cabrera, una mancata giocata dell’interbase Polanco su una lenta rotolante di Castellanos regalava ai Twins il primo punto anziché il terzo eliminato dell’inning. Successivamente Victor Martinez si guadagna una base su ball in cinque lanci e James McCann lasciava esplodere Comerica Park con il suo secondo fuoricampo a basi piene della stagione.

L’inning ci ha messo un altro po’ per finire. Alex Pressly infatti si guadagna una base su ball con conto pieno e finalmente i Twins si salvano con la comoda presa di Buxton nell’esterno centro.

Il grosso vantaggio dei Tigers non era però destinato a durare a lungo e dopo la buona figura nel secondo, anche Zimmermann si arrendeva ai suoi problemi di controllo e dopo aver subito un three-run double nel gap tra LF e CF da Joe Mauer, si vedeva costretto a chinare la testa quando Eddie Rosario (altro talento di Porto Rico) sbatteva fuori dall’esterno destro una breaking ball alta dell’ex pitcher dei Nationals per un pareggio che sembrava una chimera.

 

 

 

I Twins pensano bene di non fermarsi ed approfittano di Zimmermann ancora sul monte per sorprendere i Tigers e portarsi in vantaggio prima con uno dei rari fuoricampo di Byron Buxton (giusto al limite), poi con una valida di Dozier che trascinava a casa Polanco direttamente dalla seconda base. Zimmermann si toglie dal campo e lascia spazio a Stumpf che colpisce prima Kepler, poi ritira Mauer con una volata a sinistra e Sano con una palla a campanile nella zona del cuscino di terza base.

Berrios però sembra non aver recuperato la qualità nei suoi lanci. Subisce un leadoff double da McCann nel gap tra CF e RF, poi un singolo “in the middle” da Pressly e lascia entrare un punto poi sulla battuta di Iglesias, che provoca una eliminazione in seconda. Scende dal monte dopo aver colpito Kinsler e così entambi i partenti uscivano di scena con 3.1IP e cinque punti che pesano come macigni.

I Twins non scendono dalla cattedra e continuano a segnare. Ne fanno quattro tra il quinto ed il sesto inning con un singolo di Jason Castro contro Stumpf per spedire a casa Grossman, un fuoricampo da due punti in campo opposto di Joe Mauer contro Mujica e, sempre contro il veterano rilievo destrorso, con una sac fly di Byron Buxton che spinge a casa Miguel Sano.

 

 

 

Sono però gli ultimi punti che i Twins riescono a realizzare. Dal settimo inning in poi il bullpen Tigers crea barricate, con Joe Jimenez e Greene che cederanno soltanto un totale di quattro valide ed una base su ball in tre riprese.

I Tigers, per l’occasione “Tigres”, ovviamente ne apprifittano. Riescono finalmente a colpire Gee con un cruciale triplo di Mikie Mathook spinto a casa dalla volata di sacrificio di Justin Upton per i 11-7, e nell’ottavo inning contro Hildenberger (entrato al posto di Gee che aveva subito due singoli consecutivi da Castellanos e V-Mart) cruciale è stato un challenge vinto da Brad Ausmus sulla battuta di James McCann, che come si evince dalle immagini riesce a trasformare un potenziale doppio gioco in un forceout in seconda con Nick Castellanos che va a casa per limare un altro punto i Twins.

 

 

I Tigers si trasformano e con McCann in seconda e due eliminati José Iglesias porta i Tigers a distanza di un punto girando su un brutto sinker del rilievo di Minnesota trasformato in fuoricampo.

 

 

Il resto accade tutto nel nono inning. Trascinati da una folla ormai in visibilio, i Tigers si riportano in base con un bloop single di Mahtook per la sua terza valida di giornata e quattro lanci più tardi la partita finiva con Justin Upton che toccava duro la four seamer di Belisle per un walk-off 2-run homer finito nell’esterno sinistro.

 

 

 

I Twins hanno battuto 19 valide e tutti i battitori del lineup (ad eccezione dell’interbase Polanco, 1-5) hanno battuto almeno 2 valide (Dozier e Jason Castro ne hanno trovate tre). Ma non è bastato. A vincere è stato il cuore dei Tigers che dal campionato non hanno più nulla da chiedere se non tentare di salvare l’onore di una squadra che da nove anni a questa parte ha avuto una sola stagione negativa e che ha raggiunto i playoffs per quattro volte consecutive dal 2011 al 2014.

Questa notte l’ultima partita della serie che vedrà Matthew Boyd scontrarsi con Ervin Santana. Primo lancio alle 19.10.