21
Sab, Ott

Accordo Loria e la cordata Sherman-Jeter: cambio di testimone ai Marlins

2017
Typography

È finita l'era Loria a Miami. Per 1.2 miliardi di dollari la franchigia dei Miami Marlins sarebbe stata ceduta alla cordata guidata dal fan dei Marlins, nonché businessman newyorkese, Bruce Sherman che vede fra i suoi membri Derek Jeter. Il primo a riportare l'accordo è stato Clark Spencer del Miami Herald. Il contratto firmato sarebbe già avviato verso l'ufficio del Commissioner Rob Manfred.

La notizia porta a termine una lunga telenovela in cui vari investitori hanno tentato di acquistare la franchigia senza successo. Jeb Bush e Wayne Rothbaum ci erano arrivati vicino nel mese di giugno, salvo poi ritrovarsi senza le risorse economiche necessarie per concludere l'affare. L'altro gruppo guidato dal magnate di famiglia cubana Jorge Mas sarebbe ancora in trattativa con Sherman per contribuire nella nuova gestione, vista la sua vasta disponibilità economica (si parla anche di 300 milioni di dollari).

Nel gruppo di investitori che ha acquistato i Marlins figurano la leggenda del basket Michael Jordan (proprietario dei Charlotte Hornets) e altri quattro imprenditori e amministratori di successo.

Sull'ex gloria Yankees, che avrebbe investito dal canto suo circa 25 milioni di dollari, si specula un ruolo di direttore generale nell'ambito dell'attivita dei Marlins. Se così fosse, Jeter diventerebbe il primo afro-americano della storia della MLB a gestire la parte del business e del baseball di una franchigia.

Al momento non ci sono indicazioni secondo le quali il direttore generale David Samson e l'amministratore dell'area sportiva Michael Hill lasceranno la franchigia con questo cambio di gestione. Anzi, pare che resteranno, secondo Spencer, anche se i ruoli saranno da definire.

Proprietario dal 2002 fino ad oggi, Jeffrey Loria lascia per motivi personali una squadra in una situazione poco piacevole. Quest'anno si stima che la franchigia perderà 60 milioni di dollari. L'affluenza al Marlins Park è ridotta nonostante la presenza di giocatori di ottimo livello come Giancarlo Stanton e Christian Yelich. Non aiutano i risultati, visto che i Marlins, da quando si chiamano Miami Marlins, non sono mai arrivati ai playoff (l'ultima apparizione risale al titolo vinto nel 2003). La nuova gestione dovrà anche occuparsi del contratto con le TV, visto che è il più basso della MLB, e di questi tempi gli accordi con le televisioni consentono di aumentare il proprio budget, come è accaduto con gli Arizona Diamondbacks che riuscirono con i soldi del TV contract a trovare lo spazio per permettersi il faraonico accordo con Zack Greinke.

Il passaggio di consegne ufficiale dovrebbe arrivare verso fine stagione (in ottobre forse) quando si terrà un ultimo voto fra gli altri proprietari della lega.

 

Fonte foto copertina: nydailynews.com