20
Dom, Ago

Cardinals al settimo cielo: continua la striscia di vittorie

2017
Typography

Il sistema a draft degli sport americani permette un continuo ricambio di formazioni al vertice. Un grande esempio di questo sono gli Astros, che appena quattro anni fa concludevano l'annata con un record di 51-111 ed oggi – dopo aver già centrato i playoff nel 2015 – sono la squadra con il maggior numero di vittorie in American League.

C'è però chi, nonostante tutto, non accenna a mollare il passo, continuando a vincere e a produrre giovani in un farm system più simile ad una gallina dalle uova d'oro. I St. Louis Cardinals lo scorso anno hanno mancato l'accesso alla postseason per la prima volta dal 2010 e quest'anno, quando ormai sembravano tagliati fuori dal risveglio dei Cubs, stanno provando di tutto per evitare di stare fuori dal ballo di ottobre per due stagioni consecutive, l'ultima volta nel 2007/2008.

La squadra di Matheny da quando è iniziato agosto ha inserito il turbo vincendo prima le ultime due della serie contro i Reds, per poi inserire un four-game sweep contro i rivali statali dei Royals e infine iniziare la serie casalinga contro i Braves con un successo. Sette consecutivi. Il successo odierno è maturato con relativa facilità davanti ai 41mila del Busch Stadium, merito di una partenza sprint contornata da sei punti nelle prime due riprese contro un Foltynewicz non propriamente in controllo che concede a undici giocatori la salita in base in meno di tre inning.

Pur senza fuoricampo St. Louis colpisce a ripetizione, senza mai interrompere il trend positivo e ritrovandosi con cinque giocatori diversi a battere sei RBI: Wong, Grichuk (x2), Carpenter, DeJong e Wainwright.

Waino – oltre a colpire il suo undicesimo RBI stagionale – riesce ad ottenere la sua dodicesima vittoria con cinque solide frazioni sul monte (77 lanci) in cui le mazze di Atlanta riescono a colpirlo una sola volta con una rimbalzante da doppio gioco di Freeman che porta a casa il pitcher Folty, salito in base in precedenza con un leadoff single.

Da lì in poi sembra proseguire tutto liscio, ma nel sesto Cecil, entrato per sostituire Wainwright, dopo due out, intervallati solo da walk, combina il disastro regalando due singoli a Suzuki e Adams per poi completare con il fuoricampo da tre punti a Ozzie Albies (secondo stagionale) che porta i Braves sul 6-5, a solo un punto dai padroni di casa.

All'uscita di Cecil però il bullpen di St. Louis si assesta e non concederà più alcuna valida fino al termine della partita, cosa che invece non si può dire per Brothers dall'altra parte: nell'ottavo inning il vantaggio minimo dei Cardinals torna ad allungarsi grazie al doppio di Paul DeJong, utile per portare a casa Carpenter e Pham, arrivati salvi entrambi in precedenza per base su ball.

L'8-5 finale regala ai biancorossi il 60° successo in stagione e li mantiene ad una sola partita dai Cubs, che mai si sarebbero aspettati ad un mese e mezzo dalla fine della regular season di essere così tanto a rischio per un posto ai playoff.

 

Fonte foto copertina: gwinnettdailypost.com